Carrello

News

Successo a Matera "Mai più indifesa" di Chiara Gambino e Giampaolo Salvatore

Successo a Matera “Mai più indifesa” di Chiara Gambino e Giampaolo Salvatore

Guardarsi dentro con obiettività, cercare di capire se si è all’interno di una relazione “malata” e provare a uscirne fuori: con forza, convinzione, ritrovando sé stesse e la propria autostima. C’è un volume, Mai più indifesa (Altrimedia) di Chiara Gambino e Giampaolo Salvatore, che da poco meno di un anno sta riscuotendo consensi e sta aiutando migliaia di donne  a ribellarsi a tutti quei legami che d’amore non sono, a tirar fuori la grinta, a superare le difficoltà di ricominciare lasciandosi alle spalle esperienze negative.

Dopo essere stato presentato con successo in decine di città italiane, da Nord a Sud per poi venir bloccato forzatamente dal Covid, Mai più indifesa è finalmente approdato a Matera, ieri, confermando l’attualità di una tematica, quella della violenza sulle donne, e la necessità di continuare a parlarne per tenere sempre alta l’attenzione.

La presentazione, che si è svolta sulla Terrazza San Francesco – proprio in un momento in cui la comunità lucana è ancora scossa per le violenze subite dalle due ragazzine violentate a Marconia di Pisticci lo scorso fine settimana – è stata moderata dalla direttrice editoriale di Altrimedia Gabriella Lanzillotta.

I due autori, la dottoressa Chiara Gambino, psicologa e psicoterapeuta e il dottor Giampaolo Salvatore, psichiatra, psicoterapeuta, criminologo e insegnante di arti marziali, prendono spunto dalla violenza – sia fisica sia psicologica – nei confronti delle donne, ma la affrontano sotto una luce nuova, offrendo gli strumenti giusti per liberarsi dalle catene di rapporti che fanno male, creano dipendenza, manipolano o sono senza futuro.

Ciascuna di noi può cadere vittima di relazioni tossiche, fonti di sofferenza o vittimizzanti. È un meccanismo psicologico che, indistintamente, può scattare nelle donne di qualsiasi status o background culturale. Fa riflettere il fatto che, nonostante se ne parli tanto, continuiamo a rimanerne intrappolate.

Il primo passo per allontanarsi da relazioni che non ci fanno star bene è avere la consapevolezza ciò che occorre per superarle è dentro di noi. Come scrivono gli autori “andare nelle zone scomode è scomodo ma rivela piaceri inaspettati”. Mai più indifesa presenta, nella sua prima parte storie vere di donne, il loro modo di agire, i loro schemi, quelle coazioni a ripetere che bloccano il cambiamento e impediscono di liberarsi. Storie che indirettamente offrono alle lettrici la possibilità di accedere alla consapevolezza dei propri schemi e mettere in atto una serie di strategie emotive, cognitive, corporee e meditative per rimodellarli.

La seconda parte tende a sottolineare come il cambiamento passi soprattutto attraverso il corpo, tesi confermata anche dal laboratorio esperienziale degli autori, “Mai più indifese”.

Quella di Mai più indifesa è una lettura che si rivela catartica

Chiara Gambino è psicologa e psicoterapeuta, ha lavorato in diversi Consultori Familiari e Associazioni di Roma, dove ha prestato aiuto a donne di ogni cultura, razza ed età. Dal 2000 è impegnata in prima linea nella lotta contro la violenza di genere. È ospite regolare in diverse trasmissioni televisive di Rai Uno, tra cui “A sua Immagine” e “La vita in diretta”. Svolge attualmente l’attività di psicoterapeuta a Roma. È autrice di diversi articoli di ricerca. È istruttrice di yoga e cultrice di meditazione hawaiana.

 

Giampaolo Salvatore è psichiatra, psicoterapeuta e criminologo. È autore di numerosi articoli sul trattamento dei disturbi gravi di personalità e della schizofrenia, pubblicati su riviste internazionali. È autore del volume divulgativo Il tao della psicoterapia, e coautore di numerosi volumi tecnici tra i quali il recente Corpo, Immaginazione e Cambiamento. Ha esordito nella narrativa nel 2015 con la raccolta di racconti Nati a perdere; nel 2018 è stato pubblicato il suo primo romanzo, Lo psicoterapeuta in bilico.

Premio Narrativa Giallo/Thriller del Concorso Letterario Nazionale Argentario 2020 a "Dalla parte dell'assassino"

Premio Narrativa Giallo/Thriller del Concorso Letterario Nazionale Argentario 2020 a “Dalla parte dell’assassino”

Con Dalla parte dell’assassino (Altrimedia Edizioni) lo scrittore Pietro De Sarlo si è aggiudicato il Premio Narrativa Giallo/Thriller nell’ambito della quinta edizione del Concorso Letterario Nazionale Argentario 2020 – sezione Narrativa edita promossa dall’associazione culturale Metamorphosis.

La cerimonia di Premiazione, in precedenza fissata per il 26 settembre, si svolgerà unitamente a quella del prossimo Concorso Argentario 2021- VI Edizione.
Dalla parte dell’assassino racconta, sullo sfondo della Capitale, la sfida serrata tra un serial killer e l’eclettico commissario Schietroma del Tuscolano X. In primo piano tematiche di stretta attualità: la corruzione su più livelli, il sesso in cambio di favori, il potere ottenuto illecitamente, i reati ambientali.
Molto ben strutturato, con personaggi caratterizzati con cura, Dalla parte dell’assassino è un giallo per niente scontato nel suo intreccio, in grado di delineare un quadro moralmente deplorevole e purtroppo realistico dell’Italia.
Da apprezzare il ritmo della narrazione, i dialoghi brillanti e l’originalità delle situazioni descritte.
Spicca la figura del commissario, un uomo brusco, cinico, disilluso, con il vizio del fumo e la passione segreta dei tarocchi.
Pietro Francesco Maria De Sarlo è nato a Napoli il 2 aprile 1956 da famiglia di origini lucane.
Laureato alla Sapienza in Ingegneria, ha un lungo passato manageriale esercitato ai massimi livelli in società italiane ed estere. In tale ambito, come presidente della Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus, ha promosso diversi interventi a favore della cultura tra cui le borse di studio per dottorati di ricerca in materie umanistiche.
Oltre ad alcuni saggi di natura economica, ha pubblicato il primo romanzo nel novembre 2016, L’Ammerikano (premio della giuria al concorso Argentario 2017 e premio San Salvo – Artese, sempre nel 2017, riservato alle opere prime).
È appassionato di vela, sci e motociclismo.

I volumi di Donato Altomare e Giovanni Calia al "Paese dei Libri"

I volumi di Donato Altomare e Giovanni Calia al “Paese dei Libri”

Un noir e un romanzo targati Altrimedia Edizioni per “Il Paese dei Libri”. Sono stati Fantastico Nero di Donato Altomare e La congettura dell’anima di Giovanni Calia i volumi con cui la casa editrice materana ha partecipato ieri e mercoledì sera alla quinta edizione della rassegna letteraria di Montescaglioso.

Il giornalista e scrittore Filippo Radogna ha intervistato Altomare, il maestro del fantastico in Italia, che nella nuova antologia di racconti dà vita a tutti i nostri incubi. Le sue sono trame fantastiche, geniali ma nerissime con scheletri, fantasmi e spiriti. Ombre che si stagliano minacciose nella vita di tutti i giorni e ombre della nostra anima che si fanno spazio all’improvviso per spaventarci, metterci in guardia, farci riflettere. Racconti al limite, quindi, pronti a toglierci il sonno.

Giovanni Calia, invece, che ha dialogato con l’editore di Altrimedia Vito Epifania, racconta la storia romanzata di Grigorij Jakovlevič Perel’man, il matematico di San Pietroburgo che riuscì a dimostrare la congettura di Poincaré rifiutando carriera, clamore e premi in denaro diventando lui stesso l’enigma da risolvere. Un libro ricco di spunti e contenuti, denso di sentimenti e sensazioni nonostante sia calato in un contesto scientifico particolare, tra le aule universitarie dei dipartimenti di Matematica nella Russia e nella Germania degli anni Ottanta.

Bagno di folla a San Marco dei Cavoti per l'anteprima nazionale del romanzo "Tra saragolla e querce"

Bagno di folla a San Marco dei Cavoti per l’anteprima nazionale del romanzo “Tra saragolla e querce”

Anteprima nazionale gremita ieri sera a San Marco dei Cavoti per “Tra saragolla e querce”, il romanzo d’esordio del dottor Stefano Stisi, medico reumatologo, pubblicato dalla casa editrice Altrimedia.
La presentazione è stata arricchita da foto e adattamenti musicali che hanno ricostruito l’atmosfera del primo romanzo ambientato a San Marco dei Cavoti tra il 1918 e il 1955
Il dottor Stisi con il ricavato delle vendite dei libri “Tra saragolla e querce” ha deciso di istituire per i giovani della comunità di San Marco dei Cavoti due Premi per due diplomati: uno dell’Istituto Alberghiero e uno del Liceo classico che a settembre riceveranno i primi 500 euro e a gennaio, dopo avere realizzato un progetto di futuro sostenibile per la comunità di San Marco dei Cavoti, riceveranno gli altri 500 Euro.
San Marco dei Cavoti è lo sfondo principale di questo romanzo, quasi un altro protagonista insieme ai protagonisti “fisici”, che non può non affascinare il lettore con i suoi scorci che la scrittura evocativa dell’autore ha saputo rendere così bene, quasi fossero una serie di fotografie. Immagini di paesaggi, panorami, angoli suggestivi e poi istantanee di stati d’animo. Quelli dei protagonisti: Diodoro, don Michele e l’anima di Claudio Papirio Cursore, un centurione romano caduto in battaglia che li segue e li protegge in una serie di vicende che li coinvolgeranno insieme alle rispettive famiglie.
Sono la famiglia, i suoi valori indiscussi, l’amicizia nel suo senso più profondo e l’amore i tratti distintivi di questo romanzo.
La trama, ambientata nel secolo scorso, è solo un pretesto per poter riappropriarsi della bellezza di questi valori, della loro positività ed esaltarli in un momento storico come quello attuale in cui sembrano aver perso la loro importanza. Nella società dell’immagine, dell’effimero in cui è la regola “consumare” tutto e subito, “Tra saragolla e querce” ci invita a fermarci e a riflettere sull’autenticità e sulla ricchezza dei valori senza tempo. È un romanzo che ci ricorda quanto possano essere essenziali anche le piccole cose: racconta di un’umanità semplice che non lascia tracce nella Storia – eppure muove il mondo – e che ha nella famiglia, nella virtù e nel perdono le sue fondamenta.
Lo stile di Stisi ha un’eleganza di fondo che rimane inalterata anche nei termini e nei dialoghi in dialetto: l’ennesimo atto di amore nei confronti della sua terra.
Il dott. Stisi è nato a Benevento nel 1956.
Ha pubblicato: Meglio un dottore vivo (Il mio libro.it, 2010) e I conti dell’anima (Il mio libro.it, 2012) dai contenuti autobiografici e di analisi della vita individuale.

"Liber et Alia", successo per la rassegna promossa a Matera da Altrimedia

“Liber et Alia”, successo per la rassegna promossa a Matera da Altrimedia

Parlare di libri, cultura e società in un weekend d’estate nella città dei Sassi: lo ha fatto la casa editrice  Altrimedia promuovendo, con il supporto logistico della agenzia di comunicazione Diótima, la rassegna Liber et Alia nella Terrazza San Francesco in piazza San Francesco.

Sono stati tre gli appuntamenti che, da venerdì a ieri, hanno suscitato interesse e riscosso successo intercettando una platea variegata. Dal giallo di Pietro De Sarlo, “Dalla parte dell’assassino”, nel quale un commissario sui generis è sulle tracce di un serial killer alla proposta di Giorgio Maran di una settimana lavorativa di quattro giorni analizzata ne “Il tempo non è denaro” fino alla storia romanzata di Grigorij Jakovlevič Perel’man – un’intelligenza eccelsa e una sensibilità estrema, che riuscì a dimostrare la congettura di Poincaré, cercando così di spiegare quale sia la forma dell’universo – raccontata dalla penna di Giovanni Calia.

Dal dialogo che l’editore Vito Epifania ha avuto con gli autori, sono emersi spunti interessanti: le tematiche affrontate dai volumi di Altrimedia sono state un pretesto per spaziare sull’attualità a trecentosessanta gradi.

Michele Lamacchia racconta "Autogrill": è il primo ospite del nuovo format di Altrimedia "Intervista con l'autore"

Michele Lamacchia racconta “Autogrill”: è il primo ospite del nuovo format di Altrimedia “Intervista con l’autore”

Una cavalcata lunga vent’anni nella storia d’Italia e nel nostro Meridione, tra vicende realmente accadute e altre inventate che si intrecciano: 84 personaggi che si alternano nelle prime 100 pagine e un mucchio di racconti che fanno di Autogrill. La straordinaria storia di Rocco Pantano (Altrimedia) “una bellissima scoperta e una bellissima lettura”, come ha sottolineato la blogger Paola Giorgia Ascani durante la diretta streaming di “Intervista con l’autore”, il nuovo format di Altrimedia edizioni.

Dopo l’introduzione della direttrice editoriale Gabriella Lanzillotta, l’autore, intervistato dalla Ascani, ha spiegato come la trama sia nata una sera quando, in aperta campagna lucana, senza più benzina si è fermato in una stazione di servizio simpaticamente chiamata autogrill  (ma autogrill non era) e il proprietario lo ha tenuto una notte con sé raccontando una storia: “La cosa paradossale era che io ero senza una goccia di benzina mentre accanto a me c’erano una serie di cartelli che indicavano i pozzi petroliferi”.

Un romanzo che è, prima, un’antologia di racconti. Siamo negli anni ‘90 come nei ‘70 nella seconda metà dell’800. “Autogrill” si presenta come un intreccio di vite umane dai continui tuffi nel passato: la penna poliedrica di Michele Lamacchia riesce a condurre il lettore in maniera trasversale nella storia e nelle storie. Attorno a Rocco, gestore di un’anonima stazione di servizio in una località lucana immaginaria, si alternano, si confrontano e si scontrano, in una profonda tensione da risolvere, i personaggi più disparati. La voce di Lamacchia è irresistibile, in grado di far sorridere e, poco dopo, fare riflettere o far rabbrividire: “Autogrill” rappresenta una commedia umana che difficilmente dimenticheremo.

Michele Lamacchia nasce a Bari nel 1977. Ha pubblicato i romanzi Mo avast! – Adesso basta! (Biblios, 2010), Nero (Self-published, 2011) e Doppie punte (Lettere Animate, 2017). Ha vinto il I concorso per Narrativa Breve Satisfiction e il concorso Donna nel quotidiano di Emma Books. Non sopporta i centrotavola, le porte sbattute, e il reggaeton. Scrive per la free-press e come blogger su diverse piattaforme. Se gli chiedete: «Che stai facendo?», risponderà: «Scrivo».

Per la rubrica "Libri e società" presentato in streaming "Mai più indifesa"

Per la rubrica “Libri e società” presentato in streaming “Mai più indifesa”

Non se ne parla mai abbastanza, è un fenomeno che soprattutto durante il lockdown può aver sfiorato picchi preoccupanti: la violenza sulle donne rimane, purtroppo, una tematica sempre attuale.

È stato presentato in streaming per la rubrica “Libri e società” Mai più indifesa (Altrimedia) della dottoressa Chiara Gambino, psicologa e psicoterapeuta e del dottor Giampaolo Salvatore, psichiatra, psicoterapeuta, criminologo e insegnante di arti marziali. Dopo i saluti della direttrice editoriale di Altrimedia Gabriella Lanzillotta, la giornalista e scrittrice Daniela Lella ha intervistato gli autori.

Mai più indifesa affronta una tematica attualissima, quella della violenza, sia fisica sia psicologica nei confronti delle donne, ma la affronta sotto una luce nuova: offre infatti a ogni donna le basi per guardarsi dentro con obiettività, comprendere se si sta vivendo un rapporto “malato” e dà spunti per provare a uscirne fuori.

Ciascuno di noi può cadere vittima di relazioni tossiche, fonti di sofferenza o vittimizzanti. È un meccanismo psicologico che, indistintamente, può scattare nelle donne di qualsiasi status o background culturale. Fa riflettere il fatto che, nonostante se ne parli tanto, continuiamo a rimanerne intrappolate.

Il primo passo per liberarsi da relazioni che non ci fanno star bene è avere la consapevolezza che gli strumenti per uscirne sono dentro di noi. Come scrivono gli autori “andare nelle zone scomode è scomodo ma rivela piaceri inaspettati”. Mai più indifesa presenta, nella sua prima parte storie vere di donne, il loro modo di agire, i loro schemi, quelle coazioni a ripetere che bloccano il cambiamento e impediscono di liberarsi. Storie che indirettamente offrono alle lettrici la possibilità di accedere alla consapevolezza dei propri schemi e mettere in atto una serie di strategie emotive, cognitive, corporee e meditative per rimodellarli.

La seconda parte tende a sottolineare come il cambiamento passi soprattutto attraverso il corpo, tesi confermata anche dal laboratorio esperienziale degli autori, Mai più indifese.

Chiara Gambino è psicologa e psicoterapeuta, ha lavorato in diversi Consultori Familiari e Associazioni di Roma, dove ha prestato aiuto a donne di ogni cultura, razza ed età. Dal 2000 è impegnata in prima linea nella lotta contro la violenza di genere. È ospite regolare in diverse trasmissioni televisive di Rai Uno, tra cui “A sua Immagine” e “La vita in diretta”. Svolge attualmente l’attività di psicoterapeuta a Roma. È autrice di diversi articoli di ricerca. È istruttrice di yoga e cultrice di meditazione hawaiana.

Giampaolo Salvatore è psichiatra, psicoterapeuta e criminologo. È autore di numerosi articoli sul trattamento dei disturbi gravi di personalità e della schizofrenia, pubblicati su riviste internazionali. È autore del volume divulgativo Il tao della psicoterapia, e coautore di numerosi volumi tecnici tra i quali ilrecente Corpo, Immaginazione e Cambiamento. Ha esordito nella narrativa nel 2015 con la raccolta di racconti Nati a perdere; nel 2018 è stato pubblicato il suo primo romanzo, Lo psicoterapeuta in bilico.

"La congettura dell'anima": il romanzo di Giovanni Calia sul matematico che rifiutò un milione di dollari

“La congettura dell’anima”: il romanzo di Giovanni Calia sul matematico che rifiutò un milione di dollari

“Lo sfuggente genio della matematica”, “il matematico che rifiuto un milione di dollari”, “il no man più famoso del mondo” ma, soprattutto, il matematico che dimostrò la congettura di Poincaré, uno dei più grandi enigmi della scienza, diventando lui stesso l’enigma da risolvere: è attorno alla figura di Grigorij Jakovlevič Perel’man che Giovanni Calia ha scritto La congettura dell’anima. Storia dell’uomo che ha scoperto la forma dell’universo (Altrimedia Edizioni). Un romanzo ricco di spunti e contenuti, denso di sentimenti e sensazioni nonostante sia calato in un contesto scientifico particolare, tra le aule universitarie dei dipartimenti di Matematica nella Russia e nella Germania degli anni Ottanta.
La congettura dell’anima, con tutte le suggestioni che si porta dentro e che trasmette al lettore, è stato presentato in streaming dalla blogger Paola Giorgia di Tiportounlibro.com che, dopo l’introduzione della direttrice editoriale di Altrimedia Gabriella Lanzillotta, ha intervistato l’autore.
Sono così emerse tutte le contraddizioni (o l’incredibile coerenza, a seconda dei punti di vista) di Grigorij, il matematico russo di San Pietroburgo che nel 2002 ha risolto la congettura di Poincarè, cercando così di spiegare quale sia la forma dell’universo, uno dei più importanti problemi di matematica. Perel’man rifiutò clamorosamente sia i riflettori sia i premi in denaro. Da allora è scomparso, è inavvicinabile. Calia, con una scrittura evocativa e coinvolgente, ha dato voce a una personalità tormentata, intensa, impossibile da dimenticare.
La trama va oltre la cronaca, intrecciando storie e scelte emotivamente forti e trasformando una vicenda che ha suscitato scalpore ma che è rimasta confinata tra gli addetti ai lavori in un romanzo a tratti struggente
La “freddezza” della matematica va di pari passo con la volubilità delle emozioni e l’imprevedibilità della vita. Le situazioni e i dialoghi molto credibili, lo stile asciutto e ritmato rendono La congettura dell’anima un romanzo con il giusto pathos: il lettore viene subito catturato in una storia che, per quanto insolita, al di là dei teoremi e delle scoperte scientifiche, è ricca di umanità. Le scelte dei protagonisti, in particolare, si ripercuoteranno in una serie di eventi che cambierà i destini di ciascuno.
Giovanni Calia, materano classe ‘82, in 16 anni ha vissuto in 11 città di 4 nazioni.
Ricercatore con Derrick de Kerckhove, braccio destro di Marshall McLuhan, lavora poi per Current TV, canale premiato agli Ammy e fondato dall’ex vice-Presidente USA, premio Oscar e premio Nobel, Al Gore.
Per cinque anni insegna storytelling allo IED di Torino e alla Scuola Holden di Alessandro Baricco.
Dopo un lungo periodo all’estero torna a Matera per lavorare con l’ex vicepresidente di Apple per start-up e scale-up italiane.
Ha vinto diversi premi in Italia e all’estero per lavori svolti nella comunicazione e nel marketing.

"Fortunato Lacchi c'est moi": alla scoperta del protagonista della raccolta di racconti di Emanuele Scandiffio

“Fortunato Lacchi c’est moi”: alla scoperta del protagonista della raccolta di racconti di Emanuele Scandiffio

Una raccolta di racconti leggeri, sostanzialmente spensierati, calati nell’attualità recente: è Le disavventure del Signor Fortunato Lacchi (Altrimedia) di Emanuele Scandiffio, presentato in diretta streaming. Dopo l’introduzione della direttrice editoriale Gabriella Lanzillotta, l’autore è stato intervistato dalla giornalista Rossella Montemurro.

Le disavventure che vive Fortunato, un 45enne sposato con Lea e papà di due figlie, sono in realtà situazioni che possono capitare o che sono capitate a ciascuno di noi. Quello che cambia è il modo in cui Fortunato le affronta. Con tutto sé stesso, con un’abnegazione marcata, con un altruismo spropositato. Peccato che, a dispetto del nome, le circostanze quasi sempre non giochino a favore di Fortunato.  Le situazioni che sulle prime sono piuttosto ordinarie, si trasformano in vicende straordinarie pronte a travolgerlo con risvolti spesso esilaranti. Con il lettore scatta una complicità immediata, grazie anche a un’innocenza stilistica che evita qualsiasi circostanza o termine volgare.

Emanuele Scandiffio è nato nel 1950 a Matera, città in cui è rimasto fino al compimento degli studi liceali classici. Ha frequentato la facoltà di Fisica a Firenze. Si è trasferito a Milano subito dopo la laurea, ha avuto una breve esperienza di insegnamento in un liceo milanese per poi intraprendere una lunga carriera in una rinomata società multinazionale che nel giro di qualche anno lo ha portato a diventare il CIO di quell’azienda.
Attualmente lavora come consulente. Nel tempo libero scrive racconti e romanzi.
Tra le sue opere pubblicate per ilmiolibro.it: Evaristo e altri racconti, Evaristo (edizione teatrale), Virginia, L’onore è Salvo, Delitto preventivo e Le donne di Gloria.

"Il vento è solo un capriccio", presentata in streaming la nuova raccolta di poesie di Emilio Gerardo Giugliano

“Il vento è solo un capriccio”, presentata in streaming la nuova raccolta di poesie di Emilio Gerardo Giugliano

Le suggestioni di un poeta che considera le poesie come il vento. E Il vento è solo un capriccio (Altrimedia) è il titolo della nuova raccolta di liriche di Emilio Gerardo Giugliano, un poeta che nei suoi versi rappresenta soprattutto la quotidianità, con tutte le sfumature. L’ultima presentazione in streaming del mese di Altrimedia Edizioni nell’ambito del Maggio dei Libri ha riguardato proprio Il vento è solo un capriccio. Dopo l’introduzione di Gabriella Lanzillotta, Giugliano è stato intervistato dalla scrittrice Annalisa Giuliani (autrice della prefazione dell’antologia)

“Abbiamo bisogno di riappropriarci della poesia, della parola bella, della parola lieta. – ha affermato Giuliani – Il vento è un elemento che ritorna molto spesso nei tuoi versi.”

“Per me la poesia è espressione assoluta di libertà – ha sottolineato l’autore – e se dovessi pensare a un elemento che rappresenta questa libertà è il vento.”

Secondo la Giuliani Il vento è solo un capriccio è “una raccolta che racconta ciò che c’è e ciò che manca e che celebra la pienezza della vita che si rivela nella domanda di bimba in una notte di pallida luna o in un conto alla rovescia che si conclude con una sola volta ma che ha il valore del per sempre”.

Lo sguardo di Giugliano cattura sensazioni, gesti, paesaggi. La realtà non è interpretata, è semplicemente catturata e descritta con “gli occhi dell’anima”.
Quelle racchiuse ne Il vento è solo un capriccio sono liriche delicate, spesso intimiste, nelle quali trova ampio spazio lo stupore per la bellezza della natura e la ricchezza  infinita delle piccole cose.

Emilio Gerardo Giugliano è nato a Venosa (Pz) il 12 maggio 1966. Si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Bari. Vive e lavora a Potenza occupandosi di formazione professionale e di finanza agevolata. Opera da oltre 20 anni nel volontariato internazionale ed ha maturato esperienze di cooperazione in Africa ed in America Latina. Ha contribuito all’organizzazione di Premi Letterari  e Cinematografici. Coltiva la passione per la Poesia e la letteratura. Ha già pubblicato le raccolte Trasparenze, Fili di canapa, Succede di Notte. Per Altrimedia ha pubblicato, nel 2017, la raccolta Questione di prospettive.