Customer Login

Lost password? Register

View your shopping cart

Gennaio 2019

"Altri mondi altre storie", il fantastico fa tappa a Matera

“Altri mondi altre storie”, il fantastico fa tappa a Matera

“Lo scrittore di fantascienza è uno che gioca con la parola. Io quando scrivo prendo spunto dalla realtà: prima c’è la base scientifica, poi parto per la tangente”.  Il re del fantastico Donato Altomare ha svelato qualche segreto dei suoi racconti, presentando a Matera “Altri mondi altre storie”, la nuova antologia pubblicata da Altrimedia.

Intervistato dal giornalista Filippo Radogna (“collega” scrittore anche lui nell’ambito del fantastico) in un’Arti Visive Gallery gremita di appassionati del genere, Altomare ha precisato di non amare il termine scrittore ma di preferire “narratore”: “In realtà – ha scherzato Radogna – Donato è un affabulatore. I suoi racconti sono una piccola parte della sua produzione stratosferica e ormai ultratrentennale. Ha la capacità di spaziare dalla fantascienza al fantastico al paranormal al fantasy. Ma lui è anche poeta, fa parte dell’importante realtà de La Vallisa di Bari. A coronamento di tutto ciò è anche ingegnere”.

Non solo, l’ampia cultura umanistica Altomare la intreccia con la cultura tecnica di un ingegnere civile che ha fatto il liceo scientifico e ama follemente il latino, tanto da aver scritto un libro di fantascienza in latino. È stato due volte premio Urania Mondadori, premio Italia e premio Vegetti.

“Mi ero stancato di pubblicare da Roma in su. Volevo pubblicare un’opera importante e pubblicarla al Sud. – ha detto Altomare Volevo trovare un buon editore che fosse anche coraggioso. Filippo mi ha indicato Altrimedia. In questa antologia ho voluto riprendere miei vecchi racconti per dimostrare come il fantastico fosse leggibile da chiunque. Purtroppo infatti ci sono ancora dei preconcetti”.

Altomare ha sottolineato che quando scrive lo fa in modo che il lettore possa vedere e immaginare ciò che è scritto. Un bravo scrittore, se vuole affrontare tematiche sulle quali non ha competenze, le deve approfondire e studiare per essere il più credibile possibile.

Vito Epifania, editore di Altrimedia ha ricordato come due anni fa sia stata creata la collana “Fantastica”, curata proprio da Donato Altomare e da Loredana Pietrafesa, “per colmare un vuoto che cominciava a diventare ingombrante”.

Nel corso della serata gli attori Tommaso Ferrandina del Gruppo teatrale “Tutto Esaurito” e Carla Latorre dell’Associazione Gutta hanno letto alcune pagine del libro. Al termine dell’incontro è stato offerto al pubblico un aperitivo a base di prodotti tipici pugliesi e lucani.

Report Istat 2017 su produzione e lettura dei libri in Italia: aumenta la produzione editoriale ma resta invenduta la metà dei titoli

Report Istat 2017 su produzione e lettura dei libri in Italia: aumenta la produzione editoriale ma resta invenduta la metà dei titoli

Il 2017 segna, in termini quantitativi rispetto al 2016, una netta ripresa della produzione editoriale. Le opere pubblicate infatti aumentano del 9,3%, confermando la tendenza positiva già riscontrata nel 2016. Il 22,1% degli operatori attivi nel settore (oltre il 25% nel 2016) dichiara però che è rimasta invenduta oltre la metà dei titoli pubblicati nel 2017. Tale quota sale al 26% per i piccoli editori, scende al 21,1% per i medi e si attesta all’11,4% per i grandi marchi.
 È quanto si legge nel rapporto Istat “Produzione e lettura di libri in Italia”, riferito all’anno 2017. Un dato che conferma una tendenza tutta italiana, quella in cui gli scrittori (o gli aspiranti tali) superano di gran lunga i lettori. Il desiderio di scrivere e di vedere la propria opera pubblicata emerge dalle frequenti richieste di pubblicazione che giungono alla casa editrice Altrimedia e che la stessa valuta scrupolosamente.
Nel 2017, i 1.459 editori attivi censiti hanno pubblicato 70.159 titoli e stampato oltre 160 milioni di copie (circa due e mezzo per ogni cittadino italiano); in media, sono state stampate quasi 2.300 copie per ciascun titolo pubblicato. Sono 253 gli editori che, pur non avendo cessato l’attività editoriale, hanno dichiarato “produzione nulla”, ossia di non aver pubblicato alcun libro due anni fa, un valore in linea con l’anno precedente e pari al 14,3% dei rispondenti.
Sul fronte dei lettori, la cifra si attesta al 41% della popolazione dai 6 anni in su (quasi 6 punti percentuali in meno rispetto al 2010), tornando quindi ai livelli del 2001.