Customer Login

Lost password? Register

View your shopping cart

Shop

Una vita per un’idea

By Michele Bianco

Una vita per un’idea

Questa raccolta di discorsi e di scritti di Michele Bianco non rappresenta solo l’omaggio giusto e dovuto alla memoria di un uomo per il quale abbiamo, in tanti, nutrito affetto e rispetto: di un uomo di esemplare probità, fermezza ideale, integrità morale, sensibilità umana e sociale. Questa raccolta ha anche un suo valore obiettivo, un suo significato storico, una sua funzione pedagogica: è importante che si moltiplichino tutte le iniziative – testimonianze, studi, dibattiti – volte a reagire a fenomeni devastanti di “distruzione della memoria”.

Se si cancella la memoria del grande e terribile secolo appena conclusosi, la memoria dell’esperienza ancora viva delle generazioni immediatamente precedenti, la memoria del contrastato e spesso drammatico percorso del nostro paese e delle sue forze sociali verso profonde e contraddittorie trasformazioni, non si può attraversare il presente e preparare il futuro con la consapevolezza e la lungimiranza che come non mai oggi si richiede.

Descrizione

Fai una domanda su questo prodotto

Product Detail

  • Titolo : Una vita per un'idea
  • Sottotitolo : Discorsi e atti parlamentari
  • Autore : Michele Bianco
  • Collana : Quaderni della Biblioteca provinciale di Matera
  • Genere : saggistica
  • Anno : 2001
  • Pagine : 417
  • Formato : 17x24
  • Allestimento : brossura con bandelle
  • ISBN : 88-86820-22-4
  • Ebook :

About The Author

Author

L’avvocato e parlamentare comunista Michele Bianco, nato a Miglionico nel 1985 e deceduto a Matera nel 1981, fu combattente nella Prima Guerra e durante quel lungo momento fu fatto prigioniero. Fu prima consigliere comunale e provinciale per il Partito Socialista, membro della frazione “internazionalista”, e poi dovette fuggire per per sottrarsi al fascismo. A proprie spese, nel 1924 da Napoli fece uscire la rivista “Prometeo”. Subì, inoltre, due anni di confino in Sardegna. Nel 1944 tornò a fare politica, dopo un periodo di riflusso, organizzando la Federazione comunistra di Matera per la quale fu segretario fino all’elezione alla Camera del ’48. Rieletto nel 1953, dal 1956 fece parte della potente Commissione centrale di controllo del Pci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *