Carrello

Shop

Quando Lara Croft arrossì

Di Isabella Marchetta

Quando Lara Croft arrossì

con le illustrazioni di Silvio Lorusso

Attraverso dieci episodi, narrati e raccontati, si materializza l’archeologia dei nostri tempi e tutta la ricchezza di nozioni e informazioni che girano attorno al suo vissuto quotidiano. Con una visione allargata di archeologo che vuole comunicare dei suoi scavi, l’autrice propone l’archeologo che racconta se stesso attraverso l’archeologia. Con la naturalezza di una giornata d’ufficio, un ufficio spesso senza tetto, con le criticità degli studi di ricerca e con l’emotività dei legami cresciuti in un palcoscenico di attori davvero sfaccettati. Lara Croft allora impallidisce: le sue avventure di pistole e tesori nulla sono di fronte alla complessità della vita ordinaria di un archeologo che sfida un mondo intero con la sua proiezione, ostica alle società moderne, di una lentezza ritmata sulla riflessione interpretativa. L’avventura metaforica di un mondo empirico che si fa spazio in contesti di operosissima dinamicità e concretezza: la faccia slow della nostra società che chiede oggi un posto per coltivarsi.

Nome
Email
Telefono
Enquiry

Dettagli pubblicazione

  • Titolo : Quando Lara Croft arrossì
  • Sottotitolo : L'ordinarietà straordinaria di un'archeologa
  • Autore : Isabella Marchetta
  • Collana : Archeocomunicazione
  • Genere : Narrativa-Saggistica
  • Anno : 2017
  • Pagine : 152
  • Formato : 16x20
  • Allestimento : Brossura fresata con bandelle
  • ISBN : 978-88-6960-036-4
  • Ebook :

L’Autore

Author

Archeologa specialista in archeologia medievale. Molto attiva sul territorio lucano e nell’ambito dell’Archeologia Urbana nella città di Matera. Ha fatto del suo lavoro una missione che va oltre il lavoro stesso, sentendo anche l’esigenza di rendere l’archeologia il fattore X del processo di educazione alla storia. Per questo negli ultimi anni si è molto interessata all’etica della comunicazione nella scienza archeologica. Del volume ha curato la revisione insieme a Pierluigi Moliterni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *