Carrello

Shop

Cronache d’antropofagia

Di Giancarlo Scala

Cronache d’antropofagia

Alice e Tommaso accorrono al capezzale dell’amico Rodolfo, la cui malattia, allo stadio terminale, getta improvvisa luce sulla sua reale identità. La moglie Adele si rivela, ad Alice e Tommaso, come la vittima predestinata di un sadico sanguinario. La realtà è ancora più complessa di quanto non appaia:
agghiaccianti riti antropofagi si nascondono dietro la presunta normalità della vita di Adele e Rodolfo. Dalla vita di Adele, inoltre, emerge un quinto, imprevisto personaggio, Emilio: amante o vittima di turno? E un giovane frate, Ludovico, che assiste spiritualmente i malati, è coinvolto da Tommaso, ateo irriducibile, in queste oscure vicende. Dopo la morte di Rodolfo gli eventi precipitano. Sarà presto evidente che quelle pratiche perverse non costituiscono
un rituale privato, ma sono imposte da forze contro le quali nessuna resistenza è possibile. Riuscirà Tommaso a uscire da questa spirale perversa, che, come nel gioco dell’oca, lo rimanda sempre al punto di partenza? “Cronache d’antropofagia” intende mettere in evidenza la relatività dell’esistenza. Ma anche denunciare la bramosia, insaziabile, dell’uomo.

16,00

i narratori

Dettagli pubblicazione

  • Titolo : Cronache d’antropofagia
  • Sottotitolo :
  • Autore : Giancarlo Scala
  • Collana : i narratori
  • Genere : narrativa
  • Anno : 2012
  • Pagine : 208
  • Formato : 15x21
  • Allestimento : brossura fresatacon bandelle
  • ISBN : 9788896171615
  • Ebook : 9788869600456

L’Autore

Author

Giancarlo Scala, sessantatre anni, nato a Napoli ma residente a Roma, ha insegnato Lettere e Filosofia prima d’intraprendere l’attività di libraio. Solo in tempi recenti s’è dedicato alla scrittura, componendo altri due romanzi, “Vicolo B” e “Il fiore nero”, oltre al saggio storico-politico “Politica e antipolitica. Un precedente: il Partito Operaio Italiano, 1882 – 1886”. Ha inoltre curato l’edizione della raccolta di racconti di Vittori Di Berardino, “Tombaroli per caso in terra Etrusca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *