Le diversità. Oltre i nostri confini

18,00

La depressione, il male di vivere, è probabilmente l’ultimo tabù del Terzo Millennio. Perché anche solo parlare di depressione spaventa, figuriamoci descrivere un disagio che si vive sulla propria pelle. “Le diversità. Oltre i nostri confini” è un excursus lucido, accorato, spesso doloroso, sicuramente senza censure su quello che l’autore ha vissuto affrontando la depressione.

Il doloroso peregrinare di Gianni da una terapia a un’altra diventa l’occasione per analizzare la realtà che ci circonda, la diversità o meglio le diversità di orientamento sessuale, di razza e di religione che spesso diventano motivo di discriminazione se non di sfruttamento o persecuzione facendoci perdere la nostra umanità. È presente anche un’analisi che parte dalla situazione politica italiana per arrivare a riflettere sullo scenario internazionale nel quale sono presenti altre e più pericolose diversità – quelle alla base di violenze, conflitti, guerre.