Customer Login

Lost password? Register

View your shopping cart

Maggio 2018

"L'enigma di Pitagora e altre storie" vince il Premio migliore antologia di fantascienza “Ernesto Vegetti”

“L’enigma di Pitagora e altre storie” vince il Premio migliore antologia di fantascienza “Ernesto Vegetti”

Con “L’Enigma di Pitagora e altre storie” (Altrimedia) Filippo Radogna si è aggiudicato la VII edizione del Premio della critica “Ernesto Vegetti” nella categoria antologia di fantascienza. La premiazione si è svolta ieri, 26 maggio, presso il Teatro Titano nella Repubblica di San Marino, alla presenza delle autorità e di alcuni tra i massimi scrittori italiani del genere fantascientifico.

Il Premio Vegetti è organizzato dalla World Science fiction Italia, associazione degli scrittori professionisti del fantastico, con l’alto patrocinio delle Segreterie di Stato per la Cultura e il Turismo della Repubblica di San Marino.

Il testo di Radogna, definito dallo scrittore Raffaele Nigro “interessante e sperimentale, tra realismo magico e fantascienza”, è ambientato tra passato e futuro, misteri e utopia, con personaggi che vanno da Pitagora a Scotellaro. Sino ad un giallo che si svolge il 28 agosto del ‘36, giorno della visita di Mussolini a Matera.

L’ambientazione è tutta lucana e le storie si svolgono tra gli scenari dei Rioni Sassi e della Murgia materana, le rive dello Jonio e i paesi dell’entroterra. Una nuova chiave di lettura del territorio molto apprezzata dalla comunità fantascientifica e che è valsa all’autore materano l’ambito riconoscimento.

Il Concorso è dedicato alla memoria di Ernesto Vegetti (1943 – 2010) figura storica della fantascienza italiana e Premio Europa per la Science fiction nel 1980. Le categorie sono Miglior romanzo, Miglior saggio e Migliore antologia.

Vai al libro

Nuovi titoli in versione ebook: letture per evadere e per riflettere

Nuovi titoli in versione ebook: letture per evadere e per riflettere

Un romanzo, le radici lucane in cucina, un saggio sul lavoro e un volume per riflettere sulla morte: sono le quattro nuove proposte di Altrimedia in versione ebook, acquistabili nei maggiori store digitali.

Buona lettura!

UN ALBERO DI CACHI SONO STATA

Le comuni origini lucane accomunano Zeno De Blasi, medico geriatra dall’indiscussa professionalità e originalità e Adele, anziana donna vittima di uno scippo.

Il dottor Zeno definisce il suo reparto di geriatria un galeone pronto a salpare verso i sogni mentre i suoi pazienti sono “fanciulli” con i quali si addormenta durante il turno di notte. Nell’ospedale romano, mentre è accanto ad Adele, aleggerà una domanda: ha davvero senso l’innata repulsione per i cachi?
Il titolo del romanzo di Carmen Pafundi è “Un albero di cachi sono stata”. Il romanzo, nel 2014, ha vinto il  “Premio Nazionale Ciociaria”.

Acquista l’ebook

FARE A OCCHIO

C’è un mondo nell’arte di cucinare: perché aldilà di questa azione ci sono relazioni che si costruiscono, ricordi evocati, affetti, emozioni. “Fare a occhio” di Francesco Marano indaga le pratiche di cucina domestica in Basilicata e i significati locali del cibo, e lo fa entrando nelle case di anziane donne esperte di cucina. Si scopre uno scrigno di significati che da sempre accompagna le nostre nonne e le nostre madri nell’impegno quotidiano per la preparazione del cibo.

Francesco Marano antropologo e filmmaker, ricercatore all’Università della Basilicata, è autore di saggi, volumi e documentari etnografici proiettati e premiati in festival internazionali.

Acquista l’ebook

LA RISACCA

È di stretta attualità il volume di Pierre Carniti “La risacca. Il lavoro senza lavoro”, un’analisi lucida e puntuale sulla crisi occupazionale. In primo piano è la “questione lavoro” che, come afferma Chiara Saraceno nella prefazione “non è solo fonte di reddito. È anche fonte di dignità, di occasione di scambio interpersonale e sociale, perciò anche ambito di costruzione di senso per sé e per/con altri”. Carniti elenca dati, compara fenomeni internazionali e prende in esame quelle che, in materia, sono state le proposte più coraggiose e decisive sul lavoro in un’epoca in cui è sempre più scarso rispetto al numero di individui che vorrebbero accedervi. Pierre Carniti (1936) è stato uno dei massimi dirigenti sindacali negli anni Ottanta.

Acquista l’ebook

STO STUDIANDO PER IMPARARE A MORIRE

“Sto studiando per imparare a morire”: Antonio Thellung affronta il tema della morte in modo accurato e appassionato tanto che più che incutere timore per la morte  infonde amore per la vita. Non è un testo ansiogeno ma ci spinge a  vivere intensamente. La morte, infatti, nelle pagine di Thellung, è lontana dai luoghi comuni e ricorda prepotentemente la vita.

Thellung (1931) ha svolto numerose attività, tra le altre: scrittore, pittore, scultore, pilota d’auto, e per molti anni si è dedicato all’assistenza di malati terminali.

Con Altrimedia Edizioni ha pubblicato anche “Siamo forse il contrario di Dio”? (2015).

Acquista l’ebook

Matera in cucina. In prevendita c'è più gusto

Matera in cucina. In prevendita c’è più gusto

La cucina non è semplice cottura, ma è affetto, tradizione, passione. In questo nuovo volume a firma di Francesco Marano, è possibile sentire tutti i profumi delle ricette contenute, perché non si sfoglia un ricettario ma si entra nelle case delle donne che abitualmente le preparano quelle ricette. E allora si assaggia la storia che quella pietanza vuole raccontare, se ne gustano i ricordi della persona che la cucina, si riscoprono i piaceri di un ingrediente ritrovato. Perché se la preparazione del cibo è sicuramente una delle più diffuse passioni del momento, è anche vero che recuperare il senso delle sue radici culturali e familiari rappresenta un approccio diverso di cui forse si avverte un po’ la mancanza in un mondo affollato dalla mediazione culinaria di chef eventualmente rinomati e famosi. La nostra vuole essere la proposta di un itinerario diverso, un percorso alla scoperta delle profonde radici culturali, senza attardarsi a evidenziare nessuna dimensione edonistica della proposta culinaria. I toni confidenziali e coinvolgenti trasformano la raccolta di ricette in una rappresentazione della società che le ha prodotte e la cucina popolare assume i toni di una proposta gastronomica.

Le ricette sono accompagnate da video che non solo insegnano a preparare le pietanze ma permettono di entrare nelle cucine di queste donne.

“Matera in cucina non offre soltanto alcune ricette della tradizione materana, ma accompagna il lettore nelle case delle donne che abitualmente le preparano. Esse, per la maggior parte provenienti da famiglie contadine, ti sveleranno qualche segreto, ti racconteranno qualche aneddoto e ti confideranno momenti della loro vita legati alla cucina e alla vita quotidiana nella loro infanzia.”

Acquista il libro in prevendita

"L'enigma di Pitagora" tra i finalisti del Premio Vegetti

“L’enigma di Pitagora” tra i finalisti del Premio Vegetti

“L’enigma di Pitagora e altre storie” di Filippo Radogna è tra le opere finaliste nella categoria Antologia di Fantascienza della VII edizione del Premio Ernesto Vegetti bandito dall’associazione World SF Italia – l’associazione italiana dei professionisti della fantascienza. La giuria, presieduta da Matteo Vegetti e composta da D. Longoni, F. Piccinini, L. Pietrafesa decreterà il vincitore il 26 maggio a San Marino.
Tra maggio e giugno la fortunata antologia di Radogna vivrà giorni intensi. Il 19 maggio a Matera, nell’ambito dell’iniziativa Il Maggio dei Libri, “L’enigma di Pitagora e altre storie” sarà presentata nella scuola media Torraca agli studenti delle seconde e ai piccoli delle quinte classi della scuola Marconi.
Il 12 giugno, invece, Radogna presenterà il libro a Torino nella sede dell’Associazione Carlo Levi. Con l’autore interverranno il professor Giuseppe Lupo, il saggista Felice Lafranceschina e il presidente dell’Associazione Levi Prospero Cerabona.
“L’enigma di Pitagora e altre storie”, – con prefazione di Donato Altomare e postfazione di Giovanni De Matteo -, contiene sedici racconti visionari ambientati nel Materano, un territorio che nel testo assume una nuova chiave di lettura, molto apprezzata dalla comunità del fandom fantascientifico – nel 2016 l’autore materano ha vinto il Premio Italia con “L’enigma di Pitagora”, il racconto che dà il titolo alla raccolta. Mondi sospesi tra passato e futuro, ipertecnologia e mistero, quindi, negli scenari dei millenari Sassi, sull’altopiano delle Murge e sulle rive dello Jonio.
Vai al libro

Bookcrossing, biblioteca senza confini

Bookcrossing, biblioteca senza confini

Inossidabile, ha resistito negli anni rimanendo fedele all’entusiasmo iniziale: stiamo parlando del bookcrossing (letteralmente condivisione di libri nel senso che, dopo aver letto un testo chiunque può “abbandonarlo” e permettere ad altre persone di leggerlo) una pratica nata in America nel 2001 grazie all’intuizione dell’allora 36enne di Kansas City Ron Hornbaker definito “l’inventore del bookcrossing”.
La passione per la lettura e per le emozioni che inevitabilmente suscita e la grande democraticità del bookcrossing, da sempre completamente gratuito, sono il suo cuore pulsante che, oggi come ieri, non smette di contraddistinguerlo.
Recentemente la Coop, in 60 punti vendita, con l’iniziativa Seminar Libri ha allestito piccoli spazi di bookcrossing nei quali soci e clienti hanno la possibilità di scambiare testi, gratuitamente e senza alcun obbligo di registrazione.
Anche la casa editrice Altrimedia ha in serbo novità riguardanti il bookcrossing che presto andranno ad arricchire l’offerta dei “libri con i piedi”. Altrimedia, del resto, ha già vissuto questa esperienza proprio quando in Italia il bookcrossing era agli albori: lo ha fatto con la rivista Liberalia che, per un lungo periodo fece vivere nella città dei Sassi la magia dei libri liberati.
Il sito www.bookcrossing-italy.com è invece il primo in Italia: dal 2002 ad oggi ha totalizzato circa 510.000 utenti iscritti e ben 3.400.000 libri registrati. Una realtà consolidata che ha contagiato tutte le fasce d’età e alla quale in media si accostano trecento persone al giorno.
Il bookcrossing, insomma, è un fenomeno planetario, che non conosce barriere: sono ben 130 i paesi – dall‘Antartide fino allo Zimbabwe – nei quali è diffuso.

"Alterni presagi", suggestioni diverse

“Alterni presagi”, suggestioni diverse

“L’odore della formaldeide/non è quello del sangue,/che non sento/perché la ferita è bellissima”. Sono alcuni versi di “Ingranaggi”, una delle liriche di “Alterni presagi”, la raccolta di poesie di Monica Martinelli, vincitrice della sezione inediti del premio letterario La città dei Sassi di Altrimedia.

Ricercato, appassionato, toccante, profondo: è lo stile di un’autrice che non ha paura di osare accostando termini e suggestioni tra loro distanti. Come in “Imbarazzo”: “L’oggi del se/il domani del forse./Un gravido ripetersi di noia/che partorisce – costantemente appagata -/insignificanti esseri immondi/nella mondità circostante”.

Sono “Alterni presagi” ora delicati ora sferzanti, mai banali: “Brava Monica – ha scritto Plinio Perilli nella prefazione – che di un’acconciatura fai uno stato d’animo, e di un filosofema, viceversa, una bizza gentile, una carineria da indossare – o  forse di cui spogliarti ad arte… Il linguaggio vola! – ecco gli amanti di Chagall – traccia segni, vortica e organizza linee – come le creature profilate, irradiate da Matisse… Il linguaggio ricorda, solfeggia tempo perduto e amori ritrovati…”

L’autrice vive a Roma, dove si è laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza”. Ha scritto articoli e recensioni per la rivista “Rassegna di letteratura italiana”. Ha pubblicato poesie e racconti su varie antologie edite da Giulio Perrone Editore e da Aletti Editore, e delle poesie sulla rivista “Poeti e Poesia” diretta da Elio Pecora. Ha pubblicato, a novembre 2009, una silloge di poesie con prefazione di Walter Mauro dal titolo “Poesie ed ombre” (Tracce Editore), e poesie e racconti su vari blog. Scrive, inoltre, recensioni musicali per siti web culturali, in particolare sul sito www.radioland.it dove cura una rubrica sulla Cina.

La postfazione di “Alterni presagi” è firmata dal giornalista Nunzio Festa.

Vai al libro